Ingrosso calze collant danza

wp_7957737Articoli0 Comments

Ingrosso calze collant danza

Sono Damiano e come avrai potuto leggere negli altri articoli precedenti sono il braccio destro di Matteo; non chè il co-fondatore del progetto “dancehosiery”. Con questo articolo voglio parlarvi di come il mondo che ci circonda è molto cambiato. Ho sempre lavorato nel tessile e il mio principale mercato di riferimento è sempre stato l’ingrosso:che fosse di calzetteria in generale o come ora l’ingrosso dei prodotti danza (ingrosso calze collant danza)
Nell’ultimo decennio ho constatato un notevole ridimensionamento del settore in cui opero.
questo ha portato a mutare la metodologia di lavoro.

L’industria tessile della danza, è stata per molto tempo abituata a dettare il gusto con regolarità stagionale. Più in generale si potrebbe dire che il consumo è stato per lo più trainato dalla produzione. Prima la merce veniva prodotta, poi consumata e la catena temporale era lunga, dilatata e diretta dal gusto imposto dalle aziende tramite i fashion designer e le regolari campagne pubblicitarie stagionali. Questo meccanismo oggi si è rotto, perché è il consumo che sta trascinando la produzione. Questo modus-operandi ha influenzato per forza di cosa il modo di vendere ed i mezzi utilizzati.

La nuova sfida è costituita dallo sviluppo del “Commercio Elettronico” e cioè dalla vendita di beni e servizi effettuata a livello di mercato globale tramite sistemi di informazione telematica interattiva.
Il cambiamento effettuato dalla “informazione tecnologica” rappresenta oggi il fattore critico dello sviluppo, che da la capacità di espansione globale dei mercati; ma tuttociò apre ad una forte concorrenza nell’ambito dei mercati internazionali. La sfida è quindi aperta e vista la complessità del cambiamento è necessario capire come affrontare questa sfida e con quali possibilità di successo.

Produzione Ingrosso calze collant danza

Con l’avvento delle nuovi metodi e tecnologie di vendita, molto spesso il passaggio dal produttore al consumatore si è notevolmente ridotto in quanto oggi grandi aziende produttrici riescono ad arrivare al consumatore saltando il passaggio del grossista; tramite nuovi canali esempio: franchising, shop on line diretto o tramite piattaforme come amazon o alibaba.

Sempre più aziende del calibro di Sansha , Bloch, repetto, capezio affrontato il mercato con e-shop collocandosi direttamente alla vendita diretta al consumatore finale.

D’altronde queste grandi aziende per poter competere con attori esteri hanno dovuto mutare il loro metodo di vendita. Molto spesso tendono ad importare e rivendere prodotti asiatici al fine di avere un prezzo competitivo…ma sicuramente di qualità di prodotto molto inferiore.
Nello specifico il mercato dell’ ingrosso per quanto concerne calze e collant danza negli ultimi anni è stato soggetto ad innumerevoli scalate al ribasso del prezzo a discapito della qualità del prodotto offerto al fine di incrementare le maginalità.

Ingrosso calze collant danza: la qualità?

Io che faccio parte di una realtà produttiva di nicchia ho potuto notare che vi è una domanda di prodotti di qualità che molte aziende non riescono a soddisfare. Per questo abbiamo deciso di mettere sul mercato dei veri prodotti di qualità a disposizione per il canale dell’’ingrosso di calze e collant per la danza.
Sono convinto che alla lunga la bilancia del beneficio/svantaggio pende nella direzione della qualità produttiva italiana in quanto notevolmente superiore a quelle dei paesi asiatici.

Ad esempio, nel mondo anglosassone il consumatore di calze e collant è molto sensibile a problematiche che riguardano la tossicità dei prodotti e in che modalità vengono fatti dal punto di vista etico sociale.Molto spesso ignaramente indossiamo prodotti dalla composizione chimica dannosi alla salute.Non è una novità che in alcuni paesi produttivi le politiche nazionali permettono alle aziende di utilizzare materiali o lavorazioni che rendono la merce tossica. *Non sono pochi gli oggetti che ci mettono in pericolo nella vita di tutti i giorni: sostanze poco note ai più, che sono però potenzialmente dannose per la nostra salute. Oggetti dall’uso quotidiano(tra le quali le calze per danza) che possono danneggiare il nostro organismo provocando malattie, allergie o, nel peggiore dei casi, il cancro.
La corsa al prezzo più basso, la contraffazione e i controlli non sempre efficienti, ci portano a indossare davvero di tutto.

Partiamo dalle ammine aromatiche cancerogene, presenti nel 4% degli indumenti che abbiamo nelle nostre case (dati del Ministero della Salute), e che possono avere un effetto a livello ormonale, soprattutto nei bambini. La certificazione di sicurezza esiste, ma quasi nessuno la fa: i controlli a volte sono troppo costosi.Il problema è spesso derivante dal trattamento chimico degli indumenti provenienti dalla Cina, dalla Turchia o da altri Paesi extraeuropei.
Quando ci sono dei problemi con ciò che indossiamo, nella maggior parte dei casi si tratta di articoli da importazione: la cosa lapalissiana è che se una sostanza è vietata in Europa perché pericolosa, dovrebbe essere vietata anche fuori dall’Europa, invece non sempre è così».

Uno tra gli elementi chimici più riscontrato è il formaldeide (corrosivo per la pelle e cancerogeno), che dovrebbe essere assente e invece in molti capi è presente . Per la legge, però, spesso è tutto ok in quanto non ci sono i controlli.

fonte: https://www.leggo.it/italia/cronache/vestiti_pericolosi_salute_rischi_8_maggio_2018-3717964.html

Detto ciò tutti i consumatori di prodotti tessili per danza dovrebbero esaminare con più attenzione la provenienza e la fabbricazione dei prodotti utilizzati perchè non va solo a discapito della qualità ma bensì della propria salute.
Io e il mio staff abbiamo deciso di utilizzare materie prime europee e produzione 100% fabbricato in italia per dare al ballerino non solo un bel prodotto ma una garanzia di benessere e confort.

Prossimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *